Sense coaching Archivi | Gabriela Tirino
Precedente
CLOSE
Successivo

Sense coaching

Tutti i post.

Il senso della bellezza è un tema che mi affascina da sempre. Lo sento perfetto in abbinamento alla primavera e al risveglio della natura, dunque l’ho scelto come argomento di confronto per gli incontri di marzo al Sensemakers Club. Per chi mi legge per la prima volta, il Sensemakers Club è un posto ideale e anche reale, dedicato a diffondere la consapevolezza che siamo tutti creatori di senso. Ogni mese …

Scopri di più →

Nelle ultime settimane si è avverato un mio piccolo grande sogno: è nato il Sensemakers Club! A fine gennaio, infatti, il Club si è riunito per la prima volta, ad Alba e a Torino. Si è parlato di senso di marcia e il confronto è stato molto fitto! Condivido alcune delle mie riflessioni sui principali aspetti emersi, naturalmente senza pretendere di esaurire qui questo tema corposo. In sintesi, il Sensemakers …

Scopri di più →

  In questa seconda giornata di dicembre, il mio pensiero va al poeta zen Matsu Bashō e ai suoi haiku. Con la mia foglia e il mio taccuino ho giocato anch’io a cimentarmi in questo genere: Una foglia rossa d’autunno, un taccuino con la matita e nell’aria dicembre. Non so se il mio può essere definito un haiku, in ogni caso la struttura di questo tipo di poesia è molto …

Scopri di più →

Qualche giorno fa ero a Ferrara e ne ho approfittato per visitare la mostra del momento a Palazzo dei Diamanti, che celebra i 500 anni dell’Orlando Furioso di Ludovico Ariosto. Ho trovato parecchi spunti di riflessione e voglio condividerne alcuni in particolare. Il filo conduttore che tesse tutta l’esposizione è Cosa vedeva Ariosto quando chiudeva gli occhi, ossia quali libri e quali opere d’arte furono le muse ispiratrici del suo …

Scopri di più →

Un’antica leggenda narra che Carlomagno, già ormai piuttosto attempato, si innamorò perdutamente di una bella fanciulla che poi sposò. Era talmente preso da questo amore che trascurava gli affari dell’Impero, facendo preoccupare il suo entourage. Quando improvvisamente la moglie morì, egli non riuscendo a separarsene, ne fece imbalsamare il cadavere per tenerlo nella sua stanza. Tale morbosità fece insospettire l’arcivescovo Turpino, il quale ipotizzò che un simile comportamento fosse dovuto …

Scopri di più →

In questi giorni nell’aria fresca si respira qualcosa che sa di famigliare e di novità. Nelle mie adorate Langhe le vigne sono in vendemmia, la luce è ambrata e al mattino le cartelle per strada parlano di scuole ormai inesorabilmente riaperte. Penso ai quaderni ancora da riempire, custoditi in quelle cartelle, e alla sottile eccitazione che provavo da bambina a inizio anno scolastico, annusando la carta dei miei quaderni nuovi. Le …

Scopri di più →

  Lui, deciso: “Ecco la mia maestra di felicità!”. Lei, sorpresa: “Maestra di felicità?” Lui, convinto: “Certo, tu insegni a essere felici!” Loro, curiosi: “Interessante! La felicità si può imparare?”   Lui era Paolo (lo chiamerò così), che ha frequentato un mio corso e poi ha intrapreso con me un percorso individuale di coaching. Lei ero io. Loro erano due suoi amici. Il dialogo si è svolto ieri mattina, quando …

Scopri di più →

Quando qualcosa ti va storto come reagisci? Il modo in cui reagiamo agli eventi fa la differenza e la tendenza alla pervasività può incidere sul tuo livello di autostima. Guarda il video!    

Se il senso compare così spesso nel nostro vocabolario un motivo ci sarà! E sotto sotto forse centra qualcosa con la ricerca del senso della vita che appartiene all’uomo da sempre… Il “sensare” nasce da un presupposto semplice: niente ha senso se non siamo noi a darlo! Guarda il video!

Qualcuno, credo Benjamin Franklin, ha detto che a vent’anni regna la volontà, a trenta l’arguzia e a quaranta il giudizio. Oggi compio quarantatre anni e non so se nella mia vita regni il giudizio. Se giudizio significa prendere sempre la decisione più saggia e fare sempre la cosa giusta… no, non è così. E mi sta bene, perché voglio continuare a fare errori e a essere imperfettamente giovane per ancora …

Scopri di più →

L’empatia è quella capacità, che hanno in ampie dosi molti cani e alcuni uomini, di riuscire a cogliere lo stato d’animo delle persone e a mettersi nei loro panni. Alcuni studi hanno evidenziato che tutti ne siamo in grado, ma per molteplici ragioni, pochissimi individui riescono a raggiungere il massimo potenziale empatico. Per scoprire in che misura ti appartiene, puoi andare a visitare il nuovo Museo dell’Empatia a Londra, nato …

Scopri di più →

Quand’ero ragazzina mia madre ha cercato a più riprese di trasmettermi la sua passione per il lavoro a maglia. Non ci è mai riuscita, ma spesso mi viene in mente questa sua frase: <<Basta imparare il dritto e il rovescio, perché ogni lavorazione non è altro che una combinazione di questi due punti, un po’ come la vita.>> Saggezza pratica! La vita come risultato di una combinazione di dritti e …

Scopri di più →

Per anni ho formato le persone ad usare i sensi per riconoscere le caratteristiche del cioccolato. Poi ho addestrato veri e propri panel di assaggio, ossia allenavo a testare differenti prodotti enogastronomici attraverso specifici test sensoriali. Nel fare questo ho sempre avuto netta la sensazione di accompagnare le persone in un viaggio di scoperta. Allora non riuscivo a capire esattamente cosa succedeva, semplicemente sentivo che si accendeva qualcosa in chi …

Scopri di più →