Senso di marcia Archivi | Gabriela Tirino
Precedente
CLOSE
Successivo

Senso di marcia

Tutti i post.

Nelle ultime settimane si è avverato un mio piccolo grande sogno: è nato il Sensemakers Club! A fine gennaio, infatti, il Club si è riunito per la prima volta, ad Alba e a Torino. Si è parlato di senso di marcia e il confronto è stato molto fitto! Condivido alcune delle mie riflessioni sui principali aspetti emersi, naturalmente senza pretendere di esaurire qui questo tema corposo. In sintesi, il Sensemakers …

Scopri di più →

Jafar Panahi è un regista iraniano, con una corposa filmografia di successo, molto apprezzata in tutto il mondo. Nel suo carnet di riconoscimenti conta la Caméra d’Or alla Quinzaine de Réalisateurs di Cannes, il Leone d’Oro a Venezia, il Premio Fipresci, l’Orso di Argento a Berlino. Insomma, Jafar Panahi è un uomo a cui è riconosciuto un valore professionale di spessore e la sua peculiarità è che non solo apporta …

Scopri di più →

Ci misuriamo con quella cosa chiamata miglioramento da quando nasciamo. É una necessità umana e fa parte del bisogno insito che abbiamo di evoluzione. La vita, infatti, ci richiede da subito di fare progressi: già dal primo vagito dobbiamo imparare a star fuori dal liquido amniotico e poi si tratta di apprendere a mangiare, a camminare, a parlare e a muoverci nel mondo. A scuola, poi, il gioco si fa …

Scopri di più →

Intendo proprio là, dove secondo te avresti, saresti e vivresti ciò che vuoi e ti sentiresti davvero felice. Un là che pensi migliore del qui. Alcune persone lo hanno molto nitido quel là e si muovono continuamente in quella direzione. Altri invece, pur sognandolo intensamente, finiscono per allontanarsene. Cosa fa la differenza? Cos’è che avvicina o allontana dal proprio là? Potrebbe sembrare una semplice questione di scelte e di azioni. …

Scopri di più →

  A ventisette anni Vittorio Alfieri, celebre scrittore e drammaturgo piemontese del XVIII sec., capì di aver sprecato la sua giovinezza senza avere mai studiato seriamente. Voleva darsi al teatro, ma non aveva una solida cultura classica per farlo. Allora decise di mettersi a studiare con impegno, rinunciando alle distrazioni e arrivando al punto di farsi legare a una sedia, per rimanere fermo nel suo proposito. Da qui la sua …

Scopri di più →